True Voice
TrueVoiceGospel Singers

Stefano Zuliani

Basso

Nel 1974, alla rassegna "Antenna Canora" di PD, avevo 9 anni..... mi fecero cantare "Perchè ti amo"...

Dagli undici anni studio pianoforte classico col maestro Romeo Ometto per circa cinque anni; a 14 anni, grazie all'insistenza di un parroco pervicace, inizio a suonare l'organo: continuerò fino al 1995, riprendendo nel 2002 a Ravenna.

Pur avendo smesso di studiare piano, ho cantato da allora in diversi cori polifonici a Padova e provincia prima, e poi a Ravenna (tra cui il Coro Polifonico San Rocco), praticamente fino al 2003, talora scrivendo e arrangiando parti dei pezzi, con una pausa dal 1996 al 2000 dove un po' la voglia e il tempo mi avevano lasciato (va anche detto che in quel periodo ho avuto tre figli...).

Ho cantato poi nella formazione "Ludus Vocalis" di Ravenna, fondata nel 2003, dove si studiano essenzialmente musica rinascimentale e polifonia del '500, partecipando a manifestazioni varie, talora importanti, in città, ultima la rassegna di allora per il settembre dantesco.

Negli anni 2003 e 2004 ho cantato in due musical replicati più volte a Ravenna, al Teatro Alighieri e Teatro Rasi: "Joseph and the amazing technicolor dreamcoat", di Webber, e "Il re leone", musiche E. John, col gruppo dei Sognattori. Lì forse per la prima volta mi sono reso conto che la musica classica non esauriva la mia voglia di cantare...

Sempre a Ravenna, mia seconda patria, avevo già fondato nel 2002 un quartetto vocale "a cappella" (con Laura ed Emilia Ferrari, e Lorenzo Rossini, ora "Don") con cui ci siamo esibiti da più parti in città e provincia per un paio d'anni, spaziando da Palestrina, a Bruckner, a Bach, Mozart ed i classici in genere; poi ho lasciato Ravenna e quindi il quartet (la mia esperienza musicale padano-bizantina è largamente figlia e schiava dei trasferimenti per lavoro). Arrivando ad oggi, sono cantante gospel "per sbaglio", essendomi imbattuto in alcuni vecchi amici nel 2003 quando ero appena arrivato a PD e stava nascendo il progetto TrueVoice. Grazie alla Sandrina, ora ex TV ed emigrata, per avermi invitato qui, per questa musica che ritengo veramente straordinaria. La prima volta eravamo in quattro; ora, con mille difficoltà ma tanta, tanta gioia ed amicizia, il sogno continua.